Guida alle città Belghe

Mons

MonsMons è una cittadina pittoresca di 90.000 abitanti situata nella provincia belga di Hainaut, adatta alle visite di carattere culturale e artistico o ai soggiorni di studio presso una delle sue università. A soli 65 km dalla capitale Bruxelles, la cittadina sorge su una collina dove nel VII secolo venne edificata un piccolo monastero fondato nel VII secolo dalla sua Santa protettrice, Waudru (Cappella di Saint Waltrude). Nello stesso luogo i Romani, in precedenza, costruirono un tipico Castrum, una fortezza militare. Nel XII secolo, il piccolo insediamento venne fortificato da Baldovino IV, Conte di Hainaut. Nel XV secolo la città ormai sviluppata fu oggetto di diverse occupazioni, tra le quali quella dei protestanti di Luigi di Nassau, mentre nel 1572 il duca d'Alba ne prese il controllo in nome della Spagna cattolica.  Tra la fine del XVII e il XVIII secolo Mons si alternò tra i domini della Francia e dell'Austria, e successivamente dei Paesi Bassi uniti, quindi con il Trattato di Utrecht nuovamente all'Austria. Nel 1792 Mons, la provincia di Hainaut e l'intero Belgio austriaco passarono di mano ai francesi con la Battaglia di Jemappes, nella quale partecipò anche il giovane re di Francia, il futuro Luigi Filippo I. Con i francesi, Mons ed altre città belghe come Charleroi e Namur vennero fortificate pesantemente, anche se con il raggiungimento dell'indipendenza del Belgio nel 1830, l'assetto urbano (fortificazioni comprese) delle stesse venne completamente rivisto. Con l'avvento della Rivoluzione Industriale Mons e l'intera regione divennero parte della cosiddetta Sillon industriel, la dorsale carbonifera della Vallonia, che oltretutto comprendeva anche Liegi, Namur e Charleroi. Durante la I Guerra Mondiale, la città si trovò alla ribalta internazionale per essere stata luogo della prima battaglia dell'esercito inglese. Durante la II Guerra Mondiale subì forti bombardamenti e devastazioni. Situata nella zona del bacino carbonifero belga, la città ha attirato, come tante altre zone del paese una massiccia emigrazione italiana. L'attuale sindaco del paese, Elio Di Rupo, è un discendente di quegli emigranti.

La Mons odierna offre al visitatore lo splendore e la ricchezza culturale di una tipica antica città del Belgio. Situata nelle vicinanze del confine francese, all'incrocio tra il Canal du Centre e il Condé-Mons Canal, la città è un punto di riferimento commerciale per tutta la regione, anche se la chiusura delle vicine miniere di carbone ha causato seri problemi economici e sociali.

Il centro della città è la Grand Place, una bellissima piazza circondata da edifici del quindicesimo, sedicesimo e diciassettesimo secolo. Si tratta di un posto piacevolissimo circondato da eleganti caffetterie che d'estate invadono il luogo con i loro tavolini. Il municipio del 1458 in stile gotico (l'Hôtel de Ville) venne edificato secondo il progetto dell'architetto Mathieu de Layens, lo stesso del municipio di Lovanio. Una scimmia di ghisa nota come Singe du Grande Garde è seduta sul muro esterno del municipio, vicino all'entrata principale e si dice che porti fortuna a chi le accarezza, con la mano sinistra, la testa.

La cattedrale di Cattedrale di Santa Waudru è un bel esempio dello stile gotico brabantino, stile che sostituiva quello originario romanico. L'esterno è piuttosto imponente, mentre il suo interno è ricco di caratteristiche gotiche. Qui trovate anche il noto Car d'Or, il carro dorato usato durante la processione della festa di Doudou e le belle finestre del XVI secolo di Claix Eve.
Lungo il perimetro della piazza si ammirano altri importanti edifici d'epoca: palazzi del XVI secolo situati nella parte a sud della piazza presso Rue de la Chausée ed edifici dalla facciata in stile barocco del XVIII secolo, secondo i canoni architettonici francesi (stili Luigi XIV, XV e XVI).

Come tutte le antiche città del Belgio, anche Mons possiede la sua bella Torre Civica (il Beffroi) che qui si presenta con elegante splendore, tanto da appartenere alla lista UNESCO del Patrimonio dell'Umanità. Con i suoi 87 metri d'altezza la torre fu costruita nel 1669 nello stile tardo rinascimentale e barocco, secondo un progetto di Louis Ledoux, che a suo tempo rimpiazzò l'originaria torre del XV secolo.

Se decidete di visitate questa bella località durante maggio o giugno, esattamente per il periodo della SS Trinità (domenica dopo la Pentecoste), andrete incontro allo straordinario Festival di Doudou (o Ducasse de Mons), una festa popolare di origine medievale, tra le più famose del Belgio e parte del Patrimonio culturale dell'umanità UNESCO. La festa dura una intera settimana ed è divisa in due importanti momenti, la processione nella quale viene esposto il Car d'Or con all'interno le reliquie di Santa Wautre e il combattimento di San Giorgio, il cosiddetto Lumeçon. Mons fu anche la città natale di Roland de Lassus, famoso compositore belga di musica sacra del XVI secolo, aspettatevi pertanto numerosi concerti da camera e musica polifonica.

Mons sarà un luogo che vi sorprenderà, una città dove tradizione e cultura vanno a pari passo con la freschezza giovanile dei tantissimi giovani presenti tra le sue università; non si scordi infatti che Mons presenta una forte tradizione universitaria, oggi sempre più in crescita anche grazie ai progetti Erasmus in Belgio. Tra le maggiori università di Mons si citano le Faculté polytechnique de Mons (FPMs), la Facultés universitaires catholiques de Mons (FUCAM) e la Université de Mons-Hainaut (UMH).

Voli economici per il Belgio seleziona il tuo aeroporto di partenza dall'Italia o dall'estero e scegli tra decine di compagnie, tra cui Ryanair, Easyjet e tante altre e vola con prezzi super convenienti. Risparmia fino al 50%...